Dichiarazione delle YPJ “Coltiveremo e difenderemo la rivoluzione del 19 luglio

Le unità di difesa delle donne (YPJ) hanno rilasciato una dichiarazione in occasione del settimo anniversario della rivoluzione del Rojava: “Il nostro popolo ha abbracciato la rivoluzione con grandi sacrifici e un grande prezzo pagato in vite umane. Il nostro popolo si è schierato con i combattenti ad ogni occasione e ha lavorato duramente per crescere e proteggere la rivoluzione “.

Nella dichiarazione le YPJ hanno dichiarato: “Celebriamo il settimo anniversario della rivoluzione del 19 luglio per Leader Apo, i difensori delle terre sacre, i martiri immortalati, i popoli del Rojava e della Siria orientale e occidentale e tutti i popoli del mondo. Ripetiamo la nostra promessa di difendere la rivoluzione come così ricordiamo con rispetto tutti i martiri della rivoluzione nella persona di Jinda, Ruksen, Xebat, Arin, Revana, Gelhat, Avesta e Karker.

Nel 2010, una resistenza contro lo stato nazione si è sviluppata in molte città arabe. In paesi come la Tunisia, l’Egitto e la Libia, la gente si oppose al sistema egemonico e affollo le strade. Queste resistenze si sono diffuse nelle terre siriane nel 2011.

Il popolo curdo nel nord della Siria ha diffuso la rivoluzione del 19 luglio in tutto il mondo con i colori delle donne. La volontà, il coraggio e la verità per la libertà della gente sono stati scoperti e uno spirito femminile che anela nella libertà è stato creato. La rivoluzione Rojava si sviluppò sotto la guida delle donne. Con il passare degli anni, la rivoluzione ha offerto la fiducia per marciare verso il successo e la speranza per le persone e tutte le donne che lottano per la libertà.

In questi 7 anni, i popoli siriani e il popolo curdo hanno ottenuto molti successi, ma hanno anche pagato i prezzi più alti. Nel corso degli anni abbiamo sacrificato molti dei nostri stimati compagni. Il nostro popolo ha abbracciato la rivoluzione con grandi sacrifici e un grande prezzo pagato. Il nostro popolo si è schierato con i combattenti ad ogni occasione e ha lavorato duramente per crescere e difendere la rivoluzione. La nostra rivoluzione è una rivoluzione delle persone.

Naturalmente dall’inizio della rivoluzione, lo stato turco e altre forze regressive nella regione, i collaboratori e i gruppi costituiti da vari corpi hanno voluto distruggere il potere democratico e l’unità dei popoli attraverso vari attacchi. L’ISIS è stato uno dei maggiori finanziatori. Migliaia di persone sono state massacrate con metodi inumani per mano dell’ISIS. I siti storici ed i valori della società sono stati distrutti, saccheggiati e abbattuti dall’ISIS. Questa era un’espressione di come i poteri egemonici odiassero la volontà della gente. La sconfitta dell’ISIS è stato il più grande successo dei combattenti per la libertà. I popoli dell Siria, Curdi, Arabi, Siriaci e Turkmeni, hanno intrapreso grandi sforzi per costruire una vita equa e creare l’unità dei popoli per far crescere la rivoluzione. Questa unità di persone ha svolto il ruolo più significativo per la democratizzazione della Siria,

Noi come YPJ abbiamo promesso alla nostra gente che cresceremo e difenderemo la rivoluzione del 19 luglio. Dichiariamo ancora una volta che giocheremo il nostro ruolo di difesa contro eventuali attacchi che si svilupperanno in futuro. È stato un onore per noi portare avanti tali compiti storici. Siamo consapevoli che ci sono state minacce contro la nostra rivoluzione, e ci sono ancora oggi. Siamo pronti a spendere tutti gli sforzi necessari per adempiere ai nostri doveri e alla responsabilità storica più forti nell’ottavo anno della rivoluzione. Espanderemo la nostra lotta finché non garantiremo al nostro modello democratico nazionale di sostenere il lavoro dei nostri compagni martiri. Promettiamo di nuovo di difendere la rivoluzione e di avanzare sulla via dei martiri.

Su questa base, celebriamo la rivoluzione del 19 luglio per le famiglie dei nostri martiri, per il nostro popolo in tutte e quattro le parti del Kurdistan, per i popoli dell’est e dell’ovest della Siria, per i popoli del Medio Oriente e per tutte le donne del mondo.”

Traduzione a cura di AgireBablisoke

Fonte dell’articolo: https://anfenglishmobile.com/women/ypj-we-will-grow-and-defend-the-july-19-revolution-36362

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: