Comandante della SDF: se la Turchia attacca, scoppierà una grande guerra

Le forze democratiche siriane (SDF) Il comandante generale Mazlum Ebdi ha parlato con il giornale Yeni Özgur Politika e ha detto: “Se l’esercito turco attacca, ovunque si trasformerà in una grande guerra. Lo abbiamo fatto sapere a tutti. La Turchia lo sa, anche gli Stati Uniti e la Francia “.

Ebdi ha menzionato la rivoluzione del 19 luglio e a detto: “D’ora in poi, lavoreremo per proteggere questo percorso, completare il processo di costruzione e raggiungere una soluzione democratica basata sulla parità di diritti tra i popoli nell’unità della Siria”.

LA SITUAZIONE AL CONFINE

Ebdi ha parlato della linea di confine: “La Turchia ha accumulato una quantità significativa di forze e armi alla frontiera. Le tensioni sono alte. Questo permette provocazioni. Ogni errore può accendere una fiamma. ”

Alla domanda se si aspettassero attacchi, Ebdi ha detto:

“L’Eufrate orientale e l’Afrin non sono simili. Queste sono due aree separate. Non è possibile ripetere qui quello che è successo in Afrin. Non lo lasceremo fare.

Abbiamo preso una decisione strategica durante il processo di Afrin. Non volevamo che questa guerra si diffondesse. Volevamo mantenere la battaglia di Afrin contenuta in Afrin, ed era contenuta. Per noi, l’Eufrate orientale non sarà così. Se l’esercito turco attacca ovunque, si trasformerà in una grande guerra. ”

“SE SIAMO ATTACCATI”

Ebdi ha chiarito le sue dichiarazioni sulla “grande guerra”:

“Ad esempio, se la Turchia attacca Gire Spi, il fronte di battaglia sarà da Derik a Manbij. Questa è la nostra decisione. Lo abbiamo fatto sapere a tutti. La Turchia lo sa e anche gli Stati Uniti e la Francia. Se c’è un attacco contro di noi, il confine di 600 km si trasformerà in un fronte di battaglia. Ciò significherebbe un secondo periodo di guerra civile in Siria.

La strategia della Turchia è di prendere Gire Spi e Kobane, quindi poi fermarsi. Ma se ci saranno attacchi, la guerra continuerà fino a quando la Turchia non si ritirera”.

LA POSIZIONE DEGLI STATI UNITI

Il comandante generale della SDF ha parlato della posizione degli Stati Uniti in materia:

“Abbiamo un’alleanza con gli Stati Uniti per combattere contro l’Isis, e attualmente sono schierate nelle aree di Deir ez-Zor e Raqqa. Se la Turchia ci attacca, le forze YPG all’interno della SDF si ritireranno. Quindi, la lotta contro ISIS si fermerà, quindi l l’ISIS si potrebbe riprendere. Se ci ritiriamo il regime entrerà nell’area per riempire il vuoto. I nostri sforzi congiunti con gli Stati Uniti e la coalizione saranno danneggiati.

Gli Stati Uniti non lo vogliono. Ci sono 73 stati nella coalizione. Nessuno di loro vuole vedere fallire questa cooperazione. Questa è una questione internazionale. Come tale, c’è una forte pressione sulla Turchia. Questo non era il caso di Afrin.

La posizione degli Stati Uniti per evitare una guerra è positiva. Ci sono sforzi diplomatici in corso, stanno facendo pressioni sulla Turchia per impedire una guerra incontrollabile. Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Capo di Stato Maggiore, Segretario di Stato ha parlato tutti con le loro controparti in Turchia.

Non è una questione di fiducia, questo è il problema degli Stati Uniti. Abbiamo determinato la nostra posizione e fatto i nostri preparativi. Combatteremo. L’Eufrate orientale non sarà come Afrin “.

BUFFER ZONE

Ebdi ha parlato delle discussioni su una zona cuscinetto:

“Nel 2018 Erdogan ha dichiarato di aver finalizzato i preparativi e di avviare un’operazione a est dell’Eufrate. In 7 anni, non ci sono stati attacchi contro la Turchia dalla nostra parte. La nostra stessa presenza è ciò con cui hanno un problema. Guarda, siamo stati in guerra negli ultimi 7 anni. Non vogliamo una nuova, un’enorme guerra. Se c’è guerra, sarà grande. Non ci sarà una tregua. Abbiamo chiesto ai nostri alleati di discutere la questione. Abbiamo chiesto all’Inviato Speciale degli Stati Uniti James Jeffrey di mediare. Ha detto che sarebbe stato felice di farlo. È così che è iniziato il processo. All’inizio questo non era un progetto. Abbiamo affermato che non avremmo attaccato, e non c’è alcuna minaccia da parte nostra. Alla fine il processo è continuato.

Erdogan e Trump hanno ricevuto una telefonata in cui è emerso il progetto Safe Zone. Noi come SDF abbiamo preparato la nostra proposta e l’abbiamo presentata agli Stati Uniti. Il nostro progetto era molto ragionevole.

“LE FORZE LOCALI DEVONO GOVERNARE”

Questa è una questione di confini. La Turchia vuole una zona sicura di 30 km di profondità. Sosteniamo che potrebbe essere profondo 5 km. Accettiamo una zona sicura di 5 km di profondità. Potremmo ritirare le forze YPG da quella zona. Avremmo le forze locali per prendere il loro posto “.

Ebdi ha detto dalle forze locali che comprende le persone di Kobane, Serekaniye, Qamishlo e Gire Spi: “Potremmo anche rimuovere armi pesanti e armi con un raggio d’azione per raggiungere la Turchia da questa area di 5 km. Alcune delle nostre armi hanno una portata di 20 km. Possiamo anche estromettere questi fuori portata. Se queste sono “minacce”, siamo disposti a rimuovere questa minaccia. La Turchia dice che gli stranieri stanno governando l’area. Quindi diciamo, va bene, facciamo governare i locali. Questo risolverebbe il problema. ”

“UNA FORZA NEUTRO DOVREBBE CONTROLLARE”

Il comandante della SDF ha detto che la Turchia deve impegnarsi a non attaccare: “Vogliamo una forza internazionale per pattugliare la zona. Potrebbe essere la coalizione o un’altra forza. La Turchia non è neutrale, vogliamo una forza neutrale “.

“DEVONO LASCIARE AFRIN”

“Abbiamo accettato che i soldati turchi facciano parte delle pattuglie per ora, a una condizione”, ha detto Ebdi: “Vogliamo che tutte le persone di Afrin, senza eccezioni, tornino nelle loro terre. Le loro bande devono lasciare Afrin. I beni confiscati e le proprietà devono essere restituiti al popolo di Afrin. Le persone portate da altrove per stabilirsi ad Afrin devono essere rimosse. Tutto ciò deve avvenire sotto la garanzia di poteri internazionali e il controllo del Consiglio di Afrin. Se ciò accade, come gesto di buona volontà i soldati turchi potrebbero far parte delle pattuglie “.

Traduzione a cura di AgireBablisoke

Fonte:https://anfenglishmobile.com/features/sdf-commander-if-turkey-attacks-a-great-war-will-break-out-36364

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: