Le popolazioni del Rojava tornano nei villaggi e in mezzo alla natura per costruire una vita libera dal capitalismo e lo sfruttamento

Le potenze capitaliste che hanno cercato di schiavizzare i semplici cittadini kurdi nelle fabbriche delle grandi città non hanno raggiunto il loro obiettivo. Tuttavia, alcuni degli abitanti del villaggio sono stati in grado di porare indietro l’orologio e vivere una vera vita rurale, perdendo ogni speranza di vita nelle città rumorose. Alcuni di loro tornarono nei loro villaggi, ristrutturarono le loro case, comprarono il bestiame e iniziarono a piantare alcuni tipi di colture.

Un esempio è il villaggio di Gundik, che si trova a nord ovest di Qamişlo (Kamishlié), vicino al confine tra Rojava e Bakur (nord della Siria e Turchia sud-orientale). Era pieno di vita nel passato, ma la gente del posto ha lasciato il villaggio molti anni fa a causa delle dure condizioni imposte dal regime del partito Baath nella regione, così è diventato un deserto e non è stato abitato più da nessuno.

Ma ora, uno dei suoi figli, Riyad Şekir con sua moglie Hadiya Bijo ha deciso di tornare nel luogo in cui era nato e ricostruire il suo villaggio.

Dopo aver visto la sua insistenza e determinazione nel tornare al villaggio, la sua famiglia e gli amici hanno iniziato ad aiutare e cooperare con loro. Tutti vengono nel fine settimana o nel tempo libero per aiutare Riyad a costruire e fabbricare mattoni di fango (Kelpîç).

Riyad e Hadiya furono in grado di costruire una bella casa di quattro stanze, un recinto, un pollaio e una stalla per conservare i prodotti agricoli di ogni raccolto.

Riyad lavorava in cementificio ogni giorno, ma decise di lasciare le grandi fabbriche e dipendere da se stesso. Ora tende a costruire un’economia naturale guidata da se stessi senza essere diretta da nessuno. Riyad notò che era malato e stanco di essere schiavo nelle fabbriche e sotto gli ordini dei datori di lavoro.

Alla domanda sui motivi del suo ritorno al suo villaggio, ha risposto direttamente: “Sono stanco di lavorare per i grandi proprietari con denaro che sfrutta e controlla il destino del lavoro. Mi sentivo offeso, perché sono un vecchio e gli uomini d’affari non rispettano la mia età avanzata. Tuttavia, ho dovuto lavorare in queste circostanze difficili per nutrire i miei figli, ma ora possiedo libertà e mi sento libero. La natura mi ha dato tutto, come la tranquillità, la pace e il conforto, oltre a guadagnare il sostegno dei miei figli e dei miei. Ora lavoro molto, ma senza sfruttamento “.

Riyad aggiunge: “Senza la piena collaborazione e partecipazione della mia famiglia e dei miei amici, non potevo costruire la mia casa, senza dimenticare il grande ruolo e il sostegno di mia moglie”.

La decisione di Riyad sekiR di tornare al loro villaggio e ricostruire la loro vecchia casa era un incentivo per il resto della sua famiglia, in particolare i suoi nipoti che seguiranno l’esempio di costruire case nel villaggio. In questo modo, essi possono lavorare insieme e stabilire una vita cooperativa e sviluppare progetti per l’agricoltura e l’allevamento che coprono un futuro migliore.

Durante una giornata di lavoro per aiutare Riyad e la sua famiglia, abbiamo parlato con uno dei suoi parenti e ci siamo resi conto che è ben istruito. Il suo nome è Hejar, che ci ha detto: “La nostra città è uno dei villaggi del clan (Bobilan). L’abbiamo abbandonato in cerca di lavoro nelle città, oltre ad alcune controversie familiari. I villaggi per noi, come kurdi, sono considerati capisaldi: posso dire che sono la fonte delle nostre vite. Le autorità, specialmente i capitalisti, cercano sempre di svuotare i villaggi per espandere le città, che sono, per noi, luoghi di assimilazione e schiavitù. Per molto tempo, le città sono state create per la schiavitù, perché l’autorità è più potente lì e può controllare facilmente le persone. Tuttavia, è più debole nei villaggi, persino il potere di Agha (la persona che possiede la terra e tutto nei villaggi) è più piccolo o non esiste in molti villaggi come i nostri o nei villaggi circostanti. I nostri villaggi hanno rappresentato luoghi di libertà. Queste sono le ragioni del ritorno di mio zio e della sua famiglia “.

Hajar ha proseguito: “I miei cugini e io veniamo qui per aiutare mio zio, fornire ogni tipo di supporto, ricostruire la città ed essere degni di questa terra ricca e fertile. Per migliaia di anni, l’agricoltura è stata la professione principale che ha prevalso qui. Pertanto, l’agricoltura è sacra per noi. Tutti qui stanno collaborando per far rivivere il nostro villaggio. Vorremmo cooperare, come parenti, in agricoltura sulla base della divisione della terra e distribuirla tra di noi. Ma siamo tutti impegnati a coltivare la terra in modo cooperativo per facilitare il processo agricolo e condividere i raccolti per tutti “.

FONTE: Salar Abduljalil Mohammad / Cooperazione in Mesopotamia / Traduzione e redazione: Kurdistan America Latina / Articolo originariamente pubblicato il 1 ° dicembre 2016

Tradotto in Italiano nel Luglio 2018 da AgireBabkisoke

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: