Rojava: un esempio pratico di ecosocialismo?

Questo articolo, pubblicato il 9 agosto su Climate & Capitalism per la campagna “Make Rojava Green Again”, chiede la costruzione di una società democratica, femminista e ambientalista.

Nel 2011, nel contesto della primavera araba, è iniziata una guerra civile in Siria, affrontando diversi gruppi armati e contro il regime di Bashar Al Assad. Rapidamente, una coalizione a maggioranza curda, guidata dal Partito dell’Unione Democratica (PYD), così come altri partiti e gruppi curdi, arabi, siriani, assiri e turkmeni, ha creato una regione autonoma nel Rojava (Kurdistan siriano, Siria settentrionale) . Dopo la creazione di una nuova Costituzione, la Federazione democratica della Siria settentrionale è stata finalmente istituita nel 2016.

L’attenzione internazionale verso il Rojava è aumentata in modo esponenziale negli anni seguenti, in gran parte a causa del ruolo cruciale svolto dalle Unità di protezione popolare (YPG) e dalle Unità di protezione delle donne (YPJ) nella lotta contro le milizie fasciste di Daesh nel territorio, In effetti, è stata l’eroica lotta dell’YPG / YPJ (con il supporto aereo della Coalizione Internazionale) che, metro per metro, città per città, ha permesso di porre fine al regime terroristico di Daesh in Siria e Iraq all’inizio del 2019 .

Tuttavia, pochi media occidentali sono stati interessati al formidabile progetto rivoluzionario attualmente in fase di sviluppo a Rojava. Dal 2012 è stata costruita una nuova forma di società autogestita e libera da uno Stato centralizzato, basata sui valori della liberazione delle donne, della democrazia e dell’ecologia. Basato sull’ideologia del movimento di liberazione curdo e sugli scritti del suo leader Abdullah Öcalan, questo esempio pratico di una società con basi socialiste è una fonte di ispirazione e speranza per tutti i movimenti di sinistra. Inoltre, Rojava dimostra che un’altra società è possibile!

La comune internazionalista del Rojava

La Rojava Internationalist Commune è stata fondata nel 2017 da internazionalisti di tutto il mondo, con il sostegno del Movimento giovanile Rojava (YCR / YJC). L’obiettivo di questa struttura è condividere conoscenze, abilità ed esperienze attraverso una prospettiva internazionalista, nonché sostenere progetti e la rivoluzione nel Rojava. La Comune serve anche a facilitare l’integrazione degli attivisti stranieri nella società, e uno dei primi passi fu la costruzione della prima accademia internazionalista Şehid Helîn Qereçox (chiamata cosi per la volontaria delle Ypj britannica martirizzata ad Afrin ). Da allora, molti internazionalisti hanno partecipato a corsi di formazione per unirsi successivamente a diversi lavori e progetti con la popolazione civile del Rojava.

Costruito come un progetto di vita collettiva con un approccio ecologico, l’Internationalist Commune mira anche ad essere un’accademia per formare gli internazionalisti e il popolo del Rojava nella consapevolezza e nella pratica ambientalista. Serve come una specie di laboratorio per costruire una società ecologica.

Infine, la Comune internazionalista ha lanciato la campagna “Rendi di nuovo il Rojava verde” (Rendi di nuovo il Rojava verde) in collaborazione con il comitato ecologico del cantone di Cizirê (una delle tre regioni del Rojava: Cizirê, Kobane e Afrin). La campagna mira a trovare soluzioni ai problemi ecologici della rivoluzione, come la scarsità d’acqua, la desertificazione e la dipendenza dalla produzione di petrolio.

Fai di nuovo verde la campagna del Rojava

Inizialmente, la campagna “Make Rojava Green Again” era il progetto di alcuni attivisti stranieri. Oggi si è diffuso in tutto il mondo e ha diverse filiali locali in diversi paesi come Inghilterra, Germania, Svizzera, Spagna e Italia. Anche i suoi obiettivi si sono evoluti e ampliati nel tempo, ma tre obiettivi principali hanno guidato la campagna sin dall’inizio.

Il primo obiettivo era quello di costruire l’Accademia internazionalista del Rojava, guidata da uno spirito ecologico: servire da esempio, lavorare per progetti simili e sviluppare idee per l’intera società. La costruzione di un tale progetto è, ovviamente, un processo a lungo termine ed è ancora in corso. I diversi edifici dell’Accademia sono già stati completati e sono già stati completati più corsi di istruzione per gli internazionalisti. Con la popolazione di Rojava, il lavoro si concentra sul rafforzamento della consapevolezza ambientale per spostarsi verso una società ecologica.

Il secondo obiettivo della campagna è sostenere i progetti ecologici del Cantone Cizirê, concentrandosi sul rimboschimento e sulla costruzione di un vivaio cooperativo nell’ambito dell’Accademia internazionalista. A quel tempo, i vivai esistevano a malapena a Rojava. Diverse scuole materne furono create più tardi nelle città intorno a noi, e la nostra non era più necessaria. Tuttavia, continuiamo a sostenere finanziariamente e praticamente il ripristino della riserva naturale di Hayaka, che è una delle ultime aree naturali rimaste nella regione. Il rimboschimento di quest’area è ancora in corso.

L’obiettivo finale è quello di attrarre un sostegno materiale per progetti ecologici esistenti e futuri di autogestione democratica, compreso lo scambio di conoscenze tra attivisti, scienziati ed esperti con comitati e strutture in Rojava e lo sviluppo di una prospettiva a lungo termine per una federazione ecologica del Siria settentrionale In effetti in Rojava mancano davvero ingegneri di ogni genere, quindi il nostro obiettivo è contattare e invitare specialisti da tutto il mondo a venire e aiutare a costruire questa società ecologica.

Ora stiamo lavorando in collaborazione con diverse città, come Derik o Kobane, su diverse questioni, tra cui l’inverdimento delle città con alberi o l’attenzione ai progetti di riciclaggio. All’Accademia piantiamo anche centinaia di alberi e attualmente stiamo lavorando a un sistema pilota di gestione delle acque grigie e nere.

La nostra filosofia

Come descritto sopra, gran parte della nostra campagna è di sostenere progetti in Rojava, finanziariamente o praticamente nello spirito di solidarietà e internazionalismo. Ma il nostro lavoro non finisce qui: intendiamo anche diffondere l’ideologia della rivoluzione oltre il Rojava.

L’ecologia, insieme al confederalismo democratico e alla liberazione delle donne, è un pilastro essenziale della rivoluzione del Rojava. Mentre presentiamo il nostro libro “Rendi il Rojava di nuovo verde”, che è stato pubblicato quest’anno in diverse lingue, crediamo che le persone lontane dalla natura siano lontane da se stesse e, quindi, autodistruttive. Il nostro obiettivo è quello di creare una “unificazione rinnovata, consapevole e illuminata verso una società naturale e organica”, come afferma Abdullah Öcalan. Ciò che sta accadendo nel Rojava è molto più che proteggere la natura, limitandone il danno; Si tratta di ripristinare l’equilibrio tra persone e natura.

Per raggiungere questo obiettivo, basiamo il nostro lavoro sui principi dell ‘”ecologia sociale”, una teoria sviluppata dal teorico libertario americano Murray Bookchin e affrontata anche da Abdullah Öcalan. La sua argomentazione centrale è che la modernità capitalista provoca distruzione ambientale e crisi ecologiche, e ciò va di pari passo con l’oppressione e lo sfruttamento delle persone. Inoltre, l’irresponsabile mentalità del massimo beneficio ha portato il nostro pianeta al limite dell’abisso e ha lasciato l’umanità in un turbine di guerre, fame e crisi sociali.

Per superare questa crisi del capitalismo, l’ecologia sociale richiede la creazione di una società politica e morale, in cui l’umanità rinnova il suo legame con la natura vedendosi come parte della natura anziché essere separata. La riconciliazione tra l’essere umano e la natura inizia ponendo fine all’oppressione, allo sfruttamento e al dominio dell’essere umano sulla natura: dobbiamo smettere di vedere la natura come una risorsa inanimata e infinita. Riassumendo il nostro approccio con le parole di Murray Bookchin: “L’ecologia sociale presenta un messaggio che chiama non solo una società libera da gerarchie e sensibilità gerarchiche, ma un’etica che pone l’umanità nel mondo naturale come un agente da creare che l’evoluzione sia sociale e naturale totalmente autocosciente ”.

Crediamo che un cambiamento stia avvenendo in tutto il mondo e che sia possibile una società ecologica libera. Qui in Rojava stiamo lavorando per superare le contraddizioni e si sta costruendo una nuova società democratica, femminista e ambientalista. Diffondiamo sempre più la sua ideologia in modo che possa beneficiare l’umanità intera!

FONTE: KurdistanAmericaLatina

Traduzione dallo spagnolo a cura di AgireBablisoke

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: