La perdita di due valorosi compagni, in ricordo di Heval Bager ed Heval Shervan, di Paolo Pachino.

In ricordo di Heval Bager ed Heval Shervan

La perdita di due valorosi compagni.

Agosto 2016, mi unisco alle Ypg. Marzo 2018 ritormo nel Nord della Siria, dopo giorni di pensieri e riflessioni per la seconda volta mi unisco alle Ypg.
Molte cose erano cambiate da quel mese di Agosto del 2016 e il mese di Marzo del 2018, due viaggi in cui in mezzo c’erano altri viaggi, sempre in Kurdistan, sia in quello turco che in quello Siriano.
Una cosa però era rimasta la stessa, ed era quella di conoscere sempre nuovi compagni, sempre piu internazionali che si erano uniti alle Ypg.
Viaggi che mi hanno permesso di conoscere compagni stupendi, alcuni mi stavano simpatici, altri no ma si sa non tutti possono essere amici ma compagni invece si e qualcosa ci legava e ci lega tutt’ora ed era la voglia di lottate, di combattere un nemico comune. Negli ultimi 7 giorni sono venuto a conoscenza che due valorosi compagni, heval Bager ed Heval Shevan sono morti, il primo e caduto sotto le bombe turche nelle montagne di Qandil, il secondo si e suicidato qualche giorno fa nella sua casa di Londra, due compagni che se ne vanno, di nuovo due compagni che muoiono, quotidianamente penso alla guerra, al rojava, ai compagni e alle compagne che ogni giorno lottano e resistono, quotidianamente penso a quei mesi a quei due anni trascorsi nello Ypg, ma ogni volta che un compagno o una compagna muore qualcosa dentro di me si riapre, forse una ferita o non so cosa, una strana sensazione dentro di me avviene ogni volta che giunge una notizia di morte, qualcosa di inspiegabile. Stamattina ero in macchina, ascoltavo “bella ciao” e guardavo te Orso, il tuo volto che ho attaccato sul vetro della mia macchina, ti pensavo e cantavo. Oggi mentre lavoravo guardo il telefono e sono venuto a sapere della morte di Heval Shervan, non ti conoscevo molto ho trascorso solo poche settimane con te, tu stavi uscendo dal Rojava io ero appena arrivato ‘c VT.
Anche se non ti conoscevo molto mi stavi simpatico ed e come se ti conoscevo da molto tempo, dentro di me hai smosso quelle sensazioni che si smuovono ogni volta che un compagno cade, la guerra ti lascia ferite dentro enormi, che nemmeno tu stesso riesci a capire, ti senti solo anche se sei circondato da amore ed affetto, questo dolore interno a volte ti fa sbagliare e a volte ti fa fare cose che non avresti mai fatto, ti fa pensare molto e sei tu solo con i tuoi pensieri.
Pensieri strani, dolore indescrivibile che solo chi e stato in guerra può capire. Tu Shervan hai deciso di lasciare questa terra dove insieme a tanti compagni e compagne hai lottato ad Afrin così come in tutto il Rojava.
La guerra molte volte ti toglie tutto, dentro di te senti il vuoto, la solitudine e a volte questo malessere si manifesta con gesti estremi. La guerra distrugge dentro e nessuno puo vedere fino in fondo cio che viene tolto partecipando ad un conflitto armato.
La rivoluzione da molto ma la guerra ti toglie quasi tutto.
Solo la vicinanza può colmare la distanza e il dolore di chi in guerra c’è stato e non riesce a tornare ad una vita normale.
Ciao Heval, che la terra ti sia lieve.

Invece tu Heval Bager cercavi di insegnarmi una lingua che non conoscevo, era esattamente il mese di Agosto del 2016, mi ero appena unito allo YPG, parlavi un curdo quasi perfetto e con la tua calma, saggezza e tranquillità cercavi di insegnarlo ai tanti internazionali appena giunti in Rojava per unirsi alle YPG.

Di nuovo due compagni che muoiono, voi cari compagni lasciate un vuoto indescrivibile e questo vuoto si potra colmare solo con la lotta perché il vostro sangue sara il fiume inarrestabile della rivoluzione, una rivoluzione quotidiana, una rivoluzione vincente.
Perché solo lottando e resistendo che si può esistere.
Perché l’amore e lotta
La lotta e vita
La vita e rivoluzione

I MARTIRI SONO IMMORTALI.
SHEID NAMIRIM HEVAL BAGER
SHEID NAMIRIM HEVAL SHERVAN

Azadi Pachino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: