Gli internazionalisti partecipano all’azione dello scudo umano a Qandil

“Come rivoluzionari, socialisti, democratici, umanitari e internazionalisti dobbiamo attivarci per difendere la rivoluzione nel Rojava che è un’isola di speranza”

Gli internazionalisti hanno partecipato ad un’azione di scudo umano sulle montagne di Qandil, nel Kurdistan meridionale, nel nord dell’Iraq.

Ecco la dichiarazione degli internazionalisti;

“Siamo venuti dalla Spagna, Portogallo, Germania e Galizia nel Kurdistan.

Siamo qui con l’obiettivo di imparare dalla lotta rivoluzionaria del movimento per la libertà curda, ottenere una comprensione più profonda dell’ideologia e del sistema del confederalismo democratico e trovare modi per sostenere la rivoluzione in modo più intenso.

Le ultime settimane che abbiamo trascorso sulle montagne di Qandil abbiamo partecipando all’azione di protesta come scudi umani.

La regione di Qandil a sud del confine con la Turchia è esposta ai bombardamenti dell’esercito turco come parte della loro “operazione artiglio 2”, che ha lo scopo di distruggere il movimento per la libertà curda, indipendentemente dalle vittime civili. Questa operazione fa parte di una lunga campagna di attacchi contro il popolo curdo da parte del presidente turco.

Camminando lungo la strada tortuosa nella regione, abbiamo visto auto civili bruciate, ponti e case distrutte, dandoci la prima impressione che stiamo entrando in una zona di guerra. Invece di leggere questo da una distanza di sicurezza in Europa, ora stiamo per essere nel mezzo di essa, incapaci di cambiare le notizie.

Durante il periodo nel campo abbiamo costantemente ascoltato notizie su droni e getti che volavano sopra le nostre teste, bombardamenti in lontananza e persone uccise a causa di questi attacchi.

Sorprendentemente, non si sono verificati sentimenti di insicurezza. Eravamo circondati da compagni del movimento di cui potevamo fidarci e abbiamo anche ricevuto numerosi rapporti sul successo della resistenza da parte delle forze di difesa popolare.

Dopo circa due settimane a Qandil abbiamo assistito al primo bombardamento a breve distanza.

Verso le 23:30 un rumore ruggente ruppe il silenzio della notte e poco dopo i suoni delle esplosioni echeggiarono intorno a noi. Abbiamo potuto vedere le luci brillanti delle bombe detonanti a una distanza di pochi chilometri.

In una sensazione di incredulità, il sonno non sembrava possibile in quel momento. Tuttavia la presenza della guerriglia ci ha fatto sentire abbastanza sicuri da non provare paura.

La vita comune che abbiamo vissuto nella regione ha differenze significative rispetto alla vita a cui siamo abituati in Europa. La presunta contraddizione tra individuo e comunità sembra superata. Nessun comportamento competitivo era visibile. Condividere tutto è naturale.

Soprattutto il rapporto tra donne ci ha impressionato. Una forte cura reciproca e un livello di indipendenza delle femmine, che non potremmo nemmeno incontrare in circoli femministi europei come succede qui.
Questa prima intuizione della vita comune ci ha fatto molto riflettere su ciò che è sbagliato nelle società da cui veniamo.

A partire da ora siamo sulla via del ritorno da Qandil, le notizie che ci giungono affermano che Erdogan attaccherà il Rojava indipendentemente dalla posizione della NATO. Da qualche tempo i militari turchi hanno radunato le truppe sul lato turco del confine.

Come rivoluzionari, socialisti, democratici, umanitari e internazionalisti dobbiamo attivarci per difendere la rivoluzione nel Rojava che è un’isola di speranza, quando si tratta di risolvere le questioni fondamentali del nostro tempo come l’ingiustizia climatica e la disuguaglianza di genere.

Per 7 anni in questa regione è stato costruito un sistema di democrazia radicale autonoma, con enfasi su una società ecologica e sulla liberazione delle donne. Questa società si era già protetta dai brutali attacchi jihadisti fascisti dell’ISIS, che erano sostenuti dallo stato turco.

Ora, ancora una volta, la nostra solidarietà deve diventare pratica creando ampia attenzione, mobilitandoci tutti intorno a noi e organizzando la resistenza in tutte le forme. “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: