Polat Can (YPG) “Combattiamo per il socialismo, la democrazia e la fratellanza dei popoli”

La situazione nella Siria nord-orientale rimane particolarmente tesa. Polat Can, uno dei comandanti delle forze democratiche siriane (SDF), ci dice in un’intervista telefonica che “la guerra contro Daesh, come guerra territoriale è finita, ma i jihadisti stanno commettendo attacchi con bombe o autobombe. Sono azioni distruttive dannose per la sicurezza della regione.”

Al fine di creare disordine per prosperare meglio nel caos, i gruppi islamisti – Daesh in primo luogo – così come i combattenti arabi pro-Damasco lanciano ondate di omicidi, sabotaggi e attacchi contro le autorità della Siria settentrionale e orientale . Ciò può provocare malcontento tra la popolazione locale. Esasperati, potrebbero ribellarsi all’amministrazione autonoma del Nord e dell’Est della Siria (AANES). Anche se in questo momento non è così ed è urgente prendere misure, rafforzare il senso di sicurezza che è stato radicato nella regione amministrata dalla SDF e accelerare la ricostruzione del paese.

-Qual è la tua posizione attuale?

-Insieme ad altri, ero dietro la creazione dell’YPG (People’s Protection Unit) e dal 2013 sono stato uno dei loro portavoce. Dal 2014 al 2017 li ho rappresentati. Come comandante della SDF, sono stato in missione a Deir Ezzor per tre anni. Sono anche uno scrittore. Scrivo in curdo, turco e arabo. Ho già dodici libri sotto la cintura.

-Qual è la situazione militare nel Rojava?

-Ci sono molte forme di lotta. La guerra contro Daesh, sotto forma di scontri territoriali, è finita. I jihadisti stanno compiendo azioni di ribellione attraverso attacchi. È funzionale come la guerra convenzionale. Inoltre, dal 2012, il governo turco ha minaccia di invadere il Rojava.

I turchi hanno aiutato diversi gruppi terroristici come Al Qaeda e Daesh. Si può dire che li aiutano quasi ufficialmente. Oggi la Turchia occupa Afrin e minaccia tutto il Rojava. Tuttavia, le azioni di resistenza contro lo stato turco e le sue truppe occupanti sono in corso ad Afrin. Quando scoppiò il conflitto, il Rojava non voleva una guerra con Assad. In effetti, elementi dell’amministrazione di Damasco rimasero in vigore a Hassake e Qamishlo. Dopo che Daesh fu respinto, Assad chiese che gli fosse permesso di tornare nelle terre liberate. Dall’annuncio della partenza dagli Stati Uniti, non intende più negoziare nulla.

Per la maggior parte, i jihadisti provengono da tribù arabe sunnite, specialmente a Deir Ezzor. Ora le SDF controllano la regione. Ma Daesh mantiene una forte influenza. Abbiamo compreso l’importanza delle tribù arabe e integrato le loro dimensioni nazionali e religiose. Dal 2015, abbiamo iniziato ad avvicinarci ad alcuni di essi, minacciati da Daesh. Abbiamo creato una coalizione fuori dal Rojava, perché le tribù arabe che vivono nel Rojava sono generalmente a favore dell’amministrazione autonoma. Nella regione del Rojava, l’alleanza con queste tribù è forte. Ma a pDeir Ezzor, ad esempio, ci sono persone che supportano Assad, Daesh o la Turchia. Fortunatamente, molte altre persone ci stanno supportando. Ecco come abbiamo il controllo dell’area.

Combattiamo per il socialismo, la democrazia e la fratellanza dei popoli. Tutti, curdi o arabi, cristiani o musulmani, possono trovare il loro posto nel nostro nuovo sistema politico. Alcune persone sono molto religiose, altre sostengono il nazionalismo arabo. Stiamo cercando di capirli tutti. Vogliamo solo convincerli attraverso l’istruzione. Il lavoro è molto difficile, ma non impossibile. Vogliamo essere vicini alle tribù e avere un approccio moderato. In Deir Ezzor o Raqqa, sono le persone di tutte le comunità che fanno parte dell’amministrazione, non sono solo i curdi. Tutte le posizioni nel governo locale sono occupate da residenti locali.

-Quali sono le forme di ricostruzione?

– Combattiamo contro Daesh con l’aiuto della Coalizione. La guerra non è finita Abbiamo molti problemi con la ricostruzione. Ci sono almeno un milione di siriani sfollati nel Rojava. La Coalizione di Francia, Kuwait e altri stati del Golfo, Gran Bretagna e Stati Uniti, hanno anche la responsabilità di aiutare a risolvere i problemi umanitari. La mancanza di aiuto sta rafforzando Daesh e il regime di Assad nelle loro aree devastate dalla guerra.

-Come vincere la guerra dell’informazione in Occidente?

– Abbiamo vinto la guerra popolare in Rojava e nel nord e nell’est della Siria. Molti hanno sacrificato la propria vita contro Daesh e gli occupanti. C’è una continua disinformazione sulla nostra vera lotta e sull’istituzione del nostro sistema politico democratico e pluralistico. Troviamo che i giornalisti sono generalmente interessati alla guerra, ma non riflettono adeguatamente sul sistema politico che stiamo mettendo in atto. La stampa curda esiste anche in Europa e pubblichiamo in diverse lingue, anche in francese, con Rojinfo . Tuttavia, dobbiamo fare di più per diffondere queste informazioni.

FONTE: Raphael Lebrujah / Rojinfo / Traduzione e redazione: Kurdistan America Latina

Traduzione dallo spagnolo all’italiano a cura di: AgireBablisoke

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: