Duran Kalkan: “L’ISIS fa parte dell’alleanza fascista che governa la Turchia”

Il membro del Comitato Esecutivo del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), Duran Kalkan, ha avvertito che le minacce della Turchia contro il Rojava (Kurdistan siriano) continuano. Il comandante ha espresso la sua fiducia nel fatto che il popolo della regione contrasterà tutte le forme di attacchi fascisti e genocidi e difenderà la vita libera come parte del loro impegno nei confronti della nazione democratica.

In un’intervista a Medya Haber , Kalkan ha osservato che “le minacce continuano, c’è una mobilitazione militare al confine, la Turchia dice che distruggerà ed eliminerà il Rojava, ma crediamo che i popoli della regione dovranno affrontare tutte le forme di attacchi fascisti e genocidi e difenderanno la vita libera con il loro impegno per la nazione democratica “.

Kalkan ha spiegato che l’alleanza del governo in Turchia, tra i partiti AKP e MHP, “cerca di perpetuare l’esistenza dello Stato Islamico (ISIS) attraverso i massacri”.

“Durante la prima guerra mondiale, il fascismo dello stato-nazione fu istituito sui massacri del genocidio perpetrato contro curdi, armeni, romani, assiri e siriani. Ha anche gettato un’ombra nel corso del ventesimo secolo. L’umanità ha combattuto nel corso del XX secolo e Mussolini e Hitler sono stati rovesciati, ma l’umanità non è stata liberata dalla fonte di questa mentalità e politica ”, ha analizzato il membro del PKK.

Per Kalkan, “l’alleanza dell’AKP e dell’MHP in Turchia è uno dei simboli di questa mentalità e politica, e l’ISIS, che è emerso in Arabia Saudita, fa parte di questa mentalità“.

Il comandante del PKK ha fatto riferimento all’omicidio del membro dell’Unione della Comunità del Kurdistan (KCK), Diyar Gharib, e ai membri del Comitato per le relazioni estere, indicando alcuni partiti politici, principalmente del PDK, che aiutato il servizio di intelligence turco (MIT ) per raggiungere le montagne di Qandil, nel Kurdistan iracheno.

Kalkan ha affermato che se la Turchia invade il Rojava, il popolo del Kurdistan iracheno non sarà in grado di vivere in libertà. “Non è possibile che viviamo tutti liberamente o addirittura viviamo soli, dovremmo tutti riconoscere questo fatto e questo pericolo e affrontare le politiche sbagliate e guidare i leader politici nella giusta direzione”.

Il comandante del PKK ha affermato che agli agenti e alle spie turchi non dovrebbe essere permesso di attraversare il Kurdistan iracheno, poiché “sono nemici dei curdi”. “Ogni agente e spia in Turchia deve essere trattato come un agente e una spia per Saddam Husein”, ha concluso Kalkan.

FONTE: ANHA / Traduzione a cura di: Kurdistan America Latina

Traduzione dalla spagnolo all’italiano a cura di: AgireBablisoke

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: