Dalla Comune Internazionalista “se la guerra contro la rivoluzione è internazionale, allora anche la nostra resistenza lo sarà”

A tutte le forze democratiche: difendi la Federazione democratica della Siria del Nord!
Dichiarazione e invito all’azione da parte della comunità internazionalista del Rojava

A meno di un anno dall’inizio della guerra criminale di aggressione contro il cantone Afrin, il popolo della Siria del Nord si trova nuovamente di fronte a un’aggressione dello stato fascista turco e dei suoi alleati islamici. Le minacce del dittatore turco Recep Tayyip Erdogan non sono parole vuote, non sono solo propaganda della campagna elettorale e non sono semplici provocazioni. Con gli assalti al campo profughi di Maxmur e in diversi villaggi di Schengal il 13 dicembre, ha chiarito di nuovo la situazione. Di fatto sono l’ultima espressione delle aspirazioni espansioniste neo-ottomane del regime AKP-MHP e l’annuncio ad una guerra omicida di sterminio contro la rivoluzione nella Siria del Norde e in tutto il Medio Oriente.

Dall’inizio della rivoluzione lo stato turco, il regime siriano, le potenze imperialiste con gli Stati Uniti e la Russia che hanno aperto la strada, hanno intrapreso ogni qualsiasi cosa in loro potere per stroncare questa rivoluzione sul nascere. Ma né le bande islamiste di assassini, sotto la bandiera di Al-Nusra, la cosiddetta FSA o la bandiera nera dello Stato islamico, né embargo, isolamento e guerra aperta di aggressione sono stati in grado di rompere il coraggio e la resistenza della popolazione.

Negli ultimi 6 anni di questa lotta i popoli della Siria del Norde, sotto i più grandi sacrifici e sforzi, hanno dato prova della loro dedizione a una vita in libertà di fronte al pubblico globale. La liberazione di Raqqa da parte delle forze democratiche siriane e con la quasi sconfitta dello stato islamico segna l’inizio di una nuova fase strategica in Siria e nell’intera regione.Con la distruzione del regno del terrore dello Stato islamico, l’alleanza tattico-militare di convenienza tra le Forze di difesa della Siria nord-orientale e le potenze imperialiste sotto la bandiera della Coalizione internazionale perdono sempre più la loro importanza.

Con tutte le contraddizioni che possano esistere tra le potenze egemoniche regionali e internazionali, sono tutte d’accordo su un punto: la rivoluzione nella Siria nord-orientale, la sua struttura amministrativa democratica del consiglio, la creazione di un settore pubblico ecologico-comunale e la spinta principale della rivoluzione cioè la liberazione delle donne dalle millenarie catene di un sistema di dominio patriarcale, costituisce la più grande minaccia per i loro interessi egemoni e deve essere annientata. Negli ultimi anni la rivoluzione in Rojava e nella Siria del Nord è diventata una fonte di speranza senza precedenti per tutti coloro che sono alla ricerca, per una vita oltre lo stato, il capitale e il patriarcato. È un faro che può mostrare agli oppressi e agli sfruttati di questa Terra l’uscita dall’oscurità della modernità capitalista e ha dimostrato una volta per tutte che la “fine della storia” proclamata da coloro che sono al potere non è altro che una mera menzogna. .È l’esempio vivente che anche oggi, nel XXI secolo, un altro mondo è possibile.

La guerra di aggressione su Afrin, il sostegno internazionale ai massacri contro la popolazione civile, le bombe della NATO che piovono sui nostri amici, i carri armati Leopard tedeschi, sotto le cui tracce si supponeva che la nostra speranza fosse schiacciata, furono la prima chiara espressione del nuovo fronte imperialista contro la rivoluzione in Medio Oriente, ed è un’auspicio per quello che dobbiamo aspettarci. Le persone qui sul posto, come noi stessi, hanno imparato da Afrin: non fare affidamento su nient’altro che sulle nostre forze. Non diamo il minimo credito alle dichiarazioni delle forze internazionali e non faremo appello a nessuno. Abbiamo ampiamente conosciuto amico e nemico e sappiamo che i nostri unici alleati in questa lotta possono essere le forze democratiche e rivoluzionarie internazionali, tutti coloro che sognano un mondo diverso e insieme con cui lottiamo per un futuro libero.

Invitiamo tutti a prepararsi per una nuova fase di resistenza, azione e lotta collaborativa. Tutti quelli che sono stati nelle strade per la difesa di Afrin nell’ultimo anno, che hanno organizzato nei numerosi comitati di solidarietà, che hanno reso il World-Afrin-Day un’espressione di solidarietà mondiale e che hanno tenuto con noi per ogni metro, ogni strada di Kobanê.
Tutti quelli in Europa e nel mondo intero, che hanno esplicitamente dichiarato la loro rabbia e il loro odio verso i nemici dell’umanità, i guerrafondai e i sostenitori del fascismo turco.
Il nostro messaggio era ed è inequivocabile: se la guerra contro la rivoluzione è internazionale, allora anche la nostra resistenza lo sarà. Cerchiamo di dimostrare insieme che questa rivoluzione è la lotta di tutti noi, che il Rojava è la nostra speranza e prospettiva e che difenderemo il futuro insieme.

Che gli attacchi abbiano luogo in questa fase non è una coincidenza. Il sistema capitalista internazionale agisce fuori da una posizione di debolezza. La crisi strutturale della civiltà statalista non può più essere coperta e ogni giorno più persone iniziano a svegliarsi e intraprendono la lotta contro questo sistema oppressivo. Lo vediamo nelle strade della Francia, nella protesta contro il summit del G20 in Argentina a Buenos Aires, nello Women’s Strike, nel #NiUnaMenos e nelle proteste nella foresta di Hambach. I poteri del vecchio ordine cercano di mantenersi in vita con il governo di emergenza, il terrorismo di stato e il fascismo aperto, ma i loro giorni sono numerati se organizziamo e prendiamo posizione contro gli assalti alla nostra vita. Facciamo uso della forza che abbiamo tratto dalla rivoluzione e intensifichiamo la nostra lotta.. Se riconosciamo il nostro potere congiunto, saremo in grado di gettare questo sistema sul letame della storia una volta per tutte. Contro l’attacco della modernità capitalista è vitale organizzare ovunque la difesa e la rivolta della modernità democratica.

Per noi, come Comune internazionalista in Rojava, inizia anche oggi una nuova fase. Siamo venuti insieme in Rojava per sostenere le strutture civili di questa rivoluzione, per imparare, capire e guidare la costruzione in avanti. Come sulla popolazione del Rojava, questa guerra ci è stata imposta. Ma se il nemico non ci lascia un’altra scelta, allora non staremo in disparte, ma contribuiremo con tutte le nostre forze e tutte le nostre abilità alla preparazione della resistenza e alla difesa della società e della rivoluzione. Noi intraprenderemo qualsiasi cosa necessaria per dare il nostro contributo a questa resistenza. Saremo al fianco della popolazione contro l’assalto fascista. Siamo venuti qui dalle più diverse parti di questa Terra con diverse nozioni e opere, ma questa terra è diventata anche la nostra casa negli ultimi anni. In questo spirito anche noi parteciperemo alla mobilitazione generale della società dell’autogoverno nella Siria nord-orientale,che è iniziata il 12 dicembre.

Stai fianco a fianco con la rivoluzione, alza la voce, scendi in piazza, riunisci i comitati di solidarietà e i gruppi di resistenza esistenti.
Iniziare azioni di disobbedienza civile per aumentare la consapevolezza della situazione in Rojava e inviare un chiaro segno di solidarietà.

Spalla a spalla contro il fascismo!
Lunga vita alla solidarietà internazionale!
La rivoluzione prevarrà, il fascismo sarà schiacciato!

Fonte: https://internationalistcommune.com/to-all-democratic-forces-defend-the-democratic-federation-of-north-eastern-syria-statement-and-call-to-action-by-the-internationalist-commune-of-rojava/?fbclid=IwAR286lh0PF4ahMwecRu1Nid1MSPc2rJFt65AmRFtuWhl5c3DYlhi-DAv_fI

logo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: