Portavoce delle SDF: la nostra offensiva continuerà fino alla fine dell’ISIS

La portavoce della SDF, Lîlwa Abdullah, ritiene che l’offensiva di Hajin sia una delle offensive più dure, sottolineando che l’operazione continuerà ininterrotta fino alla fine dell’ISIS.

 

L’operazione delle Forze Democratiche Siriane (SDF) per la liberazione dell’ultima area occupata dall’ISIS nella Siria settentrionale e orientale, la regione di Hajin nella provincia di Deir ez-Zor, continua da 50 giorni.

ANF ​​ha parlato con la portavoce delle SDF, Lîlwa Abdullah, sullo sviluppo dell’offensiva.

Abdullah ha detto che è l’ultimo rifugio dei jihadisti e che l’operazione continuera ininterrottamente fino alla fine dell’ISIS nella regione.

Lîlwa Abdullah ha dichiarato che l’operazione è iniziata il 4 settembre su quattro fronti: “L’offensiva Deir ez-Zor è iniziata a settembre, l’obiettivo dell’offensiva è stata la pulizia della regione a est dell’Eufrate dall’ISIS l’operazione mira a liberare le città di Hajin, al-Sousse, al-Shefa, Abu Khaser e Abu Hassan dalle bande dello Stato Islamico e continuerà fino a quando queste aree saranno completamente liberate dai jihadisti “.

“La guerra è molto feroce in questi giorni”

Abdullah riferisce che negli ultimi giorni si sono verificati pesanti combattimenti, soprattutto a seguito degli attacchi dell’ISIS al riparo dalle tempeste di sabbia:

“La guerra è feroce in questi giorni, in diversi punti si verificano pesanti combattimenti.

molti combattenti sono caduti martiri, altri sono rimasti feriti, i nostri morti hanno versato il loro sangue per salvare la popolazione civile e messo fine alla crudeltà dei jihadisti, la maggior parte dei nostri combattenti sono persone che hanno dovuto sperimentare la crudeltà dell’ISIS sulla propria pelle “.

Situazione difficile a causa delle tempeste di sabbia

Abdullah riferisce che almeno 80 jihadisti sono stati uccisi e che molti veicoli corazzati e autobombe sono stati distrutti negli ultimi tre giorni. Le tempeste di sabbia, tuttavia, conferiscono ai jihadisti un vantaggio tattico. “Le tempeste hanno avuto un impatto negativo sulla nostra offensiva, ma continua .. Gli attacchi dell’ISIS potrebbero aver luogo a causa delle tempeste di sabbia.I nostri combattenti hanno respinto questi attacchi con grande coraggio.I jihadisti stanno cercando di bloccare la nostra avanzata con mine e autobombe, ma non è una novità per noi, l’hanno già provato in altre aree “, spiega Abdullah.

Una delle offensive più difficili

Le forze della coalizione stanno attaccando le posizioni dell’ISIS, afferma Abdullah, aggiungendo: “Questa è una delle offensive più difficili, perché questa è l’ultima sacca per i jihadisti, ma negli ultimi 50 giorni siamo stati in grado di andare avanti continuamente”.

L’amministrazione della regione consegnata alla popolazione civile

La portavoce della SDF ha proseguito: “Dopo che questa regione è stata pulita dai jihadisti, la consegneremo all’amministrazione civile, così come successo in altre regioni, tra cui Raqqa, Tabqa e Manbij.

L’SDF non è una forza creata per dominare un’area, ma una forza liberatrice”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: