La delegazione italiana incontra il KCK a Qandil

Una delegazione italiana composta da membri dell’associazione “Verso il Kurdistan”, sindacati, giornalisti e medici sono stati di recente nel Kurdistan meridionale.

Dopo aver visitato il campo di Maxmur, la delegazione ha avuto l’opportunità di incontrare i membri del consiglio esecutivo del KCK (Unione delle Comunità del Kurdistan) Riza Altun e Fatma Adir a Qandil.

Altun ha dichiarato alla delegazione che “la crisi in Medio Oriente è in un certo senso uno specchio della crisi nel mondo. Qui – ha continuato – la Terza Guerra Mondiale è semplificata al meglio e il conflitto per ridefinire il ruolo delle grandi potenze è più evidente. Il sistema nato dalla prima guerra mondiale non è più valido, il ruolo di diversi attori, come l’Iran, i paesi arabi, Israele, la Turchia, sono cresciuti e stanno recuperando uno spazio diverso “.

Altun ha sottolineato come chiaramente “gli Stati Uniti vogliono mantenere il loro dominio per assicurarsi il possesso del petrolio nell’area. Ma anche la Russia vuole svolgere un ruolo di primo piano in questo settore. Di fatto, la Russia e l’Europa avrebbero potuto stringere un’alleanza con i popoli di queste aree – ha detto Altun – eppure preferiscono alleanze di interessi con forti poteri statali “.

È in seguito a questa politica che la Russia “ha permesso alla Turchia di occupare i territori curdi in Siria – ha detto Altun – ma questo finirà per complicare ulteriormente le cose a lungo termine. Siamo contro questa logica – ha aggiunto l’esecutivo del KCK – stiamo invece combattendo per un progetto basato su una democrazia centrata sulla gente “.

Fatma Adir ha confermato che “questo non è un progetto facile da implementare, ma possiamo vedere che dove è stato implementato gode del sostegno delle persone”.

Per quanto riguarda come si potrebbe evolvere la situazione nel prossimo futuro, Altun ha detto: “È difficile da dire. Al momento la situazione più delicata è quella di Idlib che, abbinata a quella di Afrin, rende difficile prevedere come si evolveranno le cose. La Russia ha permesso alla Turchia di invadere Afrin, ma il presidente siriano Assad e l’Iran non sono troppo contenti di questa presenza. D’altra parte la Turchia aveva programmato di spostare i suoi alleati mercenari da Idlib ad Afrin “.

I due membri del consiglio esecutivo della KCK hanno concluso le loro osservazioni con una nota positiva: “Nonostante la guerra e la situazione difficile, il tentativo di convincere la gente a autogovernarsi è sotto gli occhi di tutti”.

https://anfenglishmobile.com/kurdistan/italian-delegation-meets-kck-in-qandil-30424

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: