Il ruolo degli Internazionalisti nella Rivoluzione

Nonostante sia sotto attacco da parte dello stato turco e delle sue milizie alleate che operano sotto la bandiera dell’esercito siriano libero da un lato, e dello stato islamico (ISIS) dall’altro, dietro le linee del fronte della guerra civile siriana la rivoluzione in Rojava continua a svilupparsi in maniera entusiasmante. Ispirato e plasmato dalle idee di Abdullah Öcalan e dalla lotta del movimento di liberazione curdo, il Rojava è sede di un progetto rivoluzionario con l’obiettivo di sfidare la modernità capitalista attraverso la liberazione delle donne, l’ecologia e la democrazia radicale.

Per diversi anni, gli internazionalisti di tutto il mondo si sono recati in Rojava per contribuire e partecipare al progetto rivoluzionario. I combattenti stranieri che hanno aderito alla lotta armata hanno ricevuto un’attenzione significativa sui media internazionali, ma molto meno si sa sugli internazionalisti che lavorano dietro le linee del fronte. Ispirati alla prospettiva rivoluzionaria del movimento per la libertà curdo, sono arrivati per imparare, sostenere e aiutare a sviluppare progetti già esistenti. Il loro scopo è organizzare una nuova generazione di internazionalisti per sfidare la modernità capitalista.

Sostenuti dal movimento giovanile del Rojava (YCR / YJC), alcuni di questi attivisti hanno istituito la comunità internazionalista del Rojava all’inizio del 2017. Il redattore di ROAR Joris Leverink ha parlato con due membri dell’Internationalist Commune delle loro motivazioni che li ha spinti a aderire alla rivoluzione, sono stati coinvolti in diversi progetti e hanno riportato l’importanza della solidarietà oltre i confini.


Quali sono state le tue motivazioni che ti hanno spinto ad andare in Rojava, e come sei finito lì?

Casper: Sono stato coinvolto in movimenti sociali ed ecologici in Europa, ma col tempo ho visto i problemi e le carenze di questo modo di fare politica. In Europa vige una politica fine a se stessa che non si chiede come vivere e combattere in modo rivoluzionario. E quando io stesso mi sono posto questa domanda, non sono riuscito a trovare una risposta. Grazie alla resistenza contro l’ISIS a Kobane, ho conosciuto il movimento curdo e ho visto che la rivoluzione qui traccia un percorso per superare i problemi critici che questo mondo deve affrontare – in termini sociali, politici, economici ed ecologici. Per iniziare a seguire quella strada, sono venuto fino in Rojava e ho aderito alla rivoluzione.

Clara: Penso che ognuno di noi dovrebbe “essere in grado di sentire nel più profondo  qualsiasi ingiustizia commessa in qualsiasi posto nel mondo.” In effetti, sono rimasta sconvolta dall’ipocrisia dei nostri governi, dei nostri funzionari, dei nostri giornali – e anche di alcuni movimenti di sinistra – che hanno parlato dell’ISIS, del popolo siriano e dei curdi senza intraprendere azioni concrete. Solo pochi di loro hanno pensato di venire qui, che è il modo più importante per sfidare queste ingiustizie e assicurare che le nostre azioni seguano le nostre parole.

Casper: Essere qui è la mia espressione di internazionalismo – superare i confini degli stati che vengono implementati tra le persone. Spesso mi chiedevo: “cosa avrei fatto contro il fascismo ai tempi della guerra civile spagnola?” E molte volte, ho risposto: “naturalmente avrei aderito alla resistenza”. Oggi il potere fascista è la Turchia, e come nei tempi della guerra spagnola, noi internazionalisti dobbiamo adempiere al nostro dovere.

Raccontaci un po ‘di più sulla comunità internazionalista: come è stata creata? Quanti di voi ci sono? Che tipo di progetti hai avviato o coinvolto?

Clara: La comunità internazionalista è stata creata congiuntamente da alcuni internazionalisti che hanno deciso di impegnarsi in un lavoro a lungo termine qui, e da compagni del movimento giovanile in Rojava (YCR / YCJ). La comune si propone di riportare in vita l’internazionalismo, ma anche di trovare una nuova via all’interno dell’internazionalismo stesso. In quanto tale, la comune è una struttura che aiuta gli internazionalisti a trovare il loro posto nella rivoluzione. Sosteniamo la lotta qui, impariamo dalla rivoluzione e lo facciamo in modo organizzato. Ad esempio, condividiamo le nostre esperienze di internazionalisti e aiutiamo a organizzare strutture di solidarietà in tutto il mondo.

Casper: Parte della Comune è la nuova Internationalist Academy, dove abbiamo lo spazio per vivere, lavorare e studiare insieme fino a quando le persone si trasferiscono a lavorare con diverse strutture nella società civile del Rojava. È importante che gli internazionalisti che arrivano in Kurdistan abbiano la possibilità di conoscere la filosofia su cui si basa il movimento di liberazione curdo e anche di studiare la lingua.

Clara: Uno dei nostri progetti principali è la campagna “Make Rojava Green Again”. L’obiettivo è contribuire al lavoro ecologico della rivoluzione. Ma naturalmente, la situazione ecologica non può essere analizzata senza considerare le politiche statali di Siria, Turchia e altri Stati.

Per fare un esempio, la disponibilità di acqua è un problema importante. Oltre agli aspetti generali dei cambiamenti climatici globali che incidono pesantemente sul Rojava, lo stato turco usa l’acqua come arma politica. La maggior parte dei fiumi del Rojava ha la sua fonte nelle montagne di Bakur, le aree curde all’interno dello stato ufficiale turco attualmente sono occupate dall’esercito turco. Usando le mega-dighe, lo stato turco controlla l’approvvigionamento idrico e letteralmente chiude il rubinetto delle persone che vivono qui. Lo stato turco sta anche scavando pozzi profondi lungo la linea di confine con il Rojava e sta utilizzando molta acqua per l’agricoltura. Di conseguenza, il livello delle acque sotterranee in Rojava è in costante diminuzione. Ciò ha un impatto sulla sicurezza dell’acqua e sulla disponibilità e ha inoltre un impatto sia sulla natura che sulla società. Una grave mancanza d’acqua significa che gran parte del grano viene perso o bruciato e il Rojava deve importare grano dall’estero – sempre che gli stati che impongono l’embargo sul Rojava permettano queste importazioni.

Casper: Come campagna, abbiamo raccolto molte informazioni sulla situazione ecologica in un opuscolo, che sarà pubblicato entro il prossimo mese. Ma stiamo anche contribuendo a livello pratico per trovare soluzioni per la situazione. All’inizio dell’anno abbiamo iniziato a sviluppare un vivaio di alberi presso l’Internationalist Academy. Da questo inizio, continueremo e aiuteremo il risanamento di una riserva naturale non lontano da noi sul lago Sefan. Ma avremo bisogno di piantare più alberi che possiamo anche coltivare nel nostro vivaio, e quindi stiamo anche raccogliendo il sostegno internazionale per il lavoro ecologico qui nel Rojava.

Cosa significa per te l’internazionalismo?

Casper: Da una prospettiva molto semplice, l’internazionalismo è esattamente quello che diceva Clara: “sentire e indignarsi nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa in qualsiasi posto nel mondo.” Per vedere la connessione tra le lotte, per vedere come sono legate l’una all’altra, bisogna anche saper vedere la necessità di imparare gli uni dagli altri. Sentire una connessione con le persone che stanno lottando, sentire la bellezza della lotta e la tristezza delle perdite subite dalle società nella lotta per la libertà.

È importante capire che le dinamiche delle lotte dipendono l’una dall’altra. A volte questo non è realmente visibile, ma i cambiamenti in Medio Oriente hanno un forte impatto sulla politica negli stati europei e altrove. Possiamo facilmente vedere che tipo di dinamica si è evoluta, ad esempio, in Europa, a parte la resistenza a Kobane o Afrin. Molte persone hanno messo in discussione la politica degli stati dell’UE e hanno visto la relazione tra la produzione di armi nei loro paesi e l’attacco contro la rivoluzione con le stesse armi. Dobbiamo assicurarci che le nostre diverse lotte si rafforzino reciprocamente nello stesso momento in cui ci impegniamo in lotte locali.

Clara: l’ internazionalismo è sentire il dovere di tutti i rivoluzionari di combattere fianco a fianco – non importa dove. A livello teorico, dobbiamo vedere che non possiamo comprendere la realtà del mondo oggi se non condividiamo le nostre diverse prospettive nella realtà. E questo è possibile solo se lottiamo insieme. Il nuovo aspetto che vediamo nell’internazionalismo del movimento di liberazione curdo è che stanno proponendo un quadro comune in cui tutti i rivoluzionari e le forze democratiche radicali possono unirsi.

Non è altro che sfidare la modernità capitalista con l’idea di una modernità democratica: di una modernità democratica con una struttura globale e confederale, che supererà lo stato-nazione, l’industrialismo e la mentalità capitalista. Poiché non possiamo comprendere la modernità capitalista solo da una prospettiva, così anche la modernità democratica avrà forme e colori diversi. Non è un sistema monolitico ma diversificato, come le società capitaliste di tutto il mondo oggi. Come internazionalisti in Rojava, ci rendiamo conto di essere militanti che uniscono le forze democratiche e rivoluzionarie per superare il capitalismo.

Qual è la risposta della popolazione locale in merito alla tua presenza in Rojava?

Clara: In una società in cui il detto “gli unici amici dei curdi sono le montagne” è molto diffuso, e dove tanti giovani hanno lasciato il paese, la gente apprezza molto la nostra presenza. Lo vedono come un’amicizia tra le persone di tutto il mondo.

Casper: In molte famiglie, siamo visti come le loro figlie o figli – e questo non è solo un modo di dire. Possiamo sentirlo. Diventando parte della società, abbiamo una crescente responsabilità nel difendere i suoi valori.

Secondo il tuo punto di vista, in che modo la rivoluzione in Rojava ha modellato la vita delle persone nel territorio?

Casper: uno degli esempi più ovvi è l’uso della lingua kurda in pubblico, a scuola e nelle strutture di auto-amministrazione. La lingua è una parte importante dell’identità, quindi il tentativo di cancellare la lingua è stato un serio attacco alla cultura e all’identità curda. Per gli studenti essere in grado di studiare la propria storia nella propria lingua madre è un grande cambiamento.

Un altro risultato significativo è la possibilità per tutte le persone di partecipare alle strutture politiche e al processo decisionale. Sotto il regime Baath, questi diritti fondamentali furono sottratti alla popolazione curda, e non avevano alcuna possibilità di esprimere i loro interessi. Ora, nella struttura comunale, le persone stanno imparando a usare gli strumenti della democrazia radicale attraverso assemblee locali. La società sta diventando veramente politica, poiché le persone si assumono la responsabilità del loro destino che sia unito.

Clara: Direi che la situazione è cambiata di più per le donne. Sono influenzate da tutti gli aspetti menzionati da Casper, ma in aggiunta dalle strutture patriarcali nella società. Prima, le donne non potevano partecipare molto alla vita pubblica e alle strutture familiari patriarcali e le aspettative sociali influivano fortemente sulla vita personale e sociale in generale. Per dare alcuni esempi, ora è vietato sposare donne di età inferiore ai 18 anni o per gli uomini di prendere più mogli.

La partecipazione delle donne nelle diverse strutture sociali e politiche è anche più visibile. Questo è visibile, ma non è il solo campo, nelle strutture militari delle unità di autodifesa delle donne (YPJ). Le donne stanno anche sperimentando diversi modi di vivere. Il villaggio della donna, “Jinwar”, è un luogo dove solo le donne vivono insieme in un modo comune.

Quali sono i rapporti tra la comunità internazionalista e i volontari internazionali che si sono recati in Rojava per unirsi alla lotta armata?

Casper: non esiste un collegamento organizzativo tra i due. Ma ovviamente le persone si conoscono e condividono le loro esperienze e pensieri. Ad esempio, le persone nella struttura militare spesso non vedono molto della società civile, quindi condividiamo le nostre esperienze con loro. E i compagni che tornano dai combattimenti in prima linea contro lo stato turco, Al-Nusra e ISIS condividono con noi le realtà della guerra.

Clara: E anche se non avessimo scelto di unirci alle strutture di YPG e YPJ, sappiamo quanto sia importante essere pronti a dare tutto per la rivoluzione, anche la nostra vita, e affrontare le esperienze traumatiche della guerra. Per onorare e ricordare anche i nostri compagni che cadevano þ ehid (vale a dire, furono martirizzati), abbiamo chiamato la nostra accademia dopo Helin Qaraçox (Anna Campbell), che è stata ucciso da aerei della NATO dalla Turchia nella resistenza di Afrin.

Come vedi la rivoluzione nello sviluppo del Rojava e in che modo le persone all’estero possono contribuire al suo successo? Come possono le persone all’estero esprimere la loro solidarietà con la rivoluzione in Rojava nel modo più efficace?

Casper: Il tempo trascorso dopo la liberazione di Raqqa dall’ ISIS può essere visto come una nuova era. Il consenso più o meno stabile tra i poteri internazionali sta iniziando a cedere di nuovo. Ogni stato sta cercando di aumentare la propria influenza nella regione. Le forze rivoluzionarie in Siria – il movimento curdo con i suoi alleati arabi e cristiani – sono di nuovo intrappolate nel mezzo di un nesso di super poteri globali. Ora, ancor più di prima, il successo della rivoluzione dipenderà dalla forza delle persone qui e da ogni parte del mondo. L’unica vera alleanza della rivoluzione è quella tra le persone rivoluzionarie e democratiche in tutto il mondo.

Clara: Dobbiamo vederla come nostra responsabilità nella quale dobbiamo svolgere un ruolo attivo. Le nostre azioni possono e daranno forma alla realtà di domani. In questo senso, è importante tenere il passo con il lavoro di solidarietà in tutto il mondo. Ancora oggi molte persone non conoscono questa rivoluzione o i valori su cui si basa. Quindi tutti devono condividere questo con gli altri in tutto il mondo.

Casper: Sappiamo che la prossima grande guerra è alle porte. Soprattutto con il regime fascista turco al confine, sappiamo tutti che non ci sarà alcuna soluzione pacifica in Siria. Per i nostri amici in tutto il mondo, è importante capire e prepararsi per questa certa eventualità. Dobbiamo essere più efficaci nel nostro lavoro, a tutti i livelli della politica: dobbiamo diffondere la conoscenza del Rojava nella società e, allo stesso tempo, aumentare la pressione sui nostri governi. Ma l’aspetto più importante è costruire legami tra il movimento di liberazione curdo e le lotte in altri paesi.

La comunità internazionalista ha una lunga tradizione di solidarietà di sinistra con le lotte rivoluzionarie in tutto il mondo, dalla rivoluzione spagnola agli zapatisti. Come ti posizioni in questa tradizione e perché credi che sia importante?

Clara: Senza questa storia non possiamo capire la situazione attuale. E ancora più importante, non possiamo dare il giusto significato ad esso. È così facile per le persone rinunciare alla lotta, in un sistema che ti dice che non c’è alternativa e che tutti i tentativi di costruire un’alternativa hanno fallito. Invece, dobbiamo vedere che la resistenza era sempre lì, anche se era troppo spesso nascosta nell’ombra. Ma se vedo i combattimenti oggi come l’eredità della guerra spagnola contro il fascismo e la lotta contro il colonialismo in tutto il mondo, la mia energia e motivazione sono raddoppiate. In questo senso, vediamo la storia dell’internazionalismo come la nostra storia. Facciamo parte di una linea continua e vivente di internazionalismo.

Casper: Oggi la Comune è in Rojava. Ma l’idea della Comune è internazionalista. Non si tratta solo del movimento per la libertà curdo. Rappresenta l’internazionalismo basato sull’idea che finché tutti in questo mondo non sono liberi, nessuno è libero.

Qual è il tuo messaggio per la sinistra globale?

Casper: Bene, visto vengo dall’Europa, la mia richiesta per la sinistra europea sarebbe quella di dover riconsiderare i nostri metodi di organizzazione politica e di lotta, così come la nostra comprensione ideologica. Se vogliamo veramente fare una rivoluzione, dobbiamo organizzarci in accordo con questo obiettivo e sviluppare una prospettiva rivoluzionaria a lungo termine.

Il movimento di liberazione curdo ci può aiutare in questo. Noi rivoluzionari dobbiamo imparare di nuovo come connetterci con la società. Ne facciamo parte, ci stiamo battendo, ma troppo spesso le nostre lotte sono disconnesse. E dobbiamo imparare a superare le nostre divisioni. Ciò non significa che tutti dobbiamo diventare uguali, ma dobbiamo trovare un modo per utilizzare le nostre differenze in modo produttivo e stimolante, attraverso il quale ognuno può apprendere e svilupparsi.

Clara: Alla fine, la nostra chiamata è al tempo stesso molto semplice e incredibilmente difficile: costruiamo insieme un movimento globale in grado di sfidare e superare la modernità capitalista. Verso questo fine, possiamo guardare indietro a una lunga storia di lotte differenti, che insieme sono la via lungo la linea della resistenza della gente, per una vita libera della gente, in equilibrio con la natura.

 

Traduzione: Rossella Assanti

Fonte: https://roarmag.org/magazine/internationalist-commune-rojava-solidarity/

Immagini: itsgoingdown.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: