KCK condanna esecuzione degli attivisti curdi e il bombardamento a Köya

La copresidenza del Consiglio esecutivo KCK ha condannato l’esecuzione iraniana di attivisti kurdi e gli attacchi a Koyê, mentre allo stesso tempo ha espresso condoglianze alle famiglie di coloro che hanno perso la vita e alla popolazione del Kurdistan.

Il Consiglio esecutivo KCK ha condannato fermamente l’esecuzione dello stato iraniano di tre prigionieri politici curdi e l’uccisione di molti peshmerga del Kurdistan orientale e politici kurdi a seguito dell’attacco a Koy Sancak.

Il Consiglio esecutivo della KCK ha esortato lo stato iraniano a rinunciare a simili attacchi.

“Vogliamo esprimere le nostre più sentite condoglianze alle famiglie dei martiri e al popolo del Kurdistan”, ha affermato la dichiarazione.

La dichiarazione KCK ha continuato come segue:

“In Iran vive una importante popolazione curda. Tuttavia, i kurdi non possono usare i diritti di tutte le persone del mondo in Iran. I kurdi non hanno l’autogoverno sulla base della libertà di identità, lingua e cultura. Ciò crea un problema in corso, conflitti su conflitti tra lo stato iraniano e il popolo curdo. Se il problema curdo non viene risolto, non è possibile porre fine ai conflitti. Pensando che questo problema verrà eliminato con l’esecuzione, la repressione e gli attacchi non da alcun risultato se non aggravare ulteriormente i problemi che l’Iran sta vivendo “.
La dichiarazione ha aggiunto: “Abbiamo sempre sottolineato che i problemi della storia, della tradizione politica e dell’esperienza iraniana possono essere risolti quando l’Islam viene trattato con un approccio che riconosce l’esistenza e la libertà delle differenze. I kurdi avranno una vita libera e democratica se la storica federazione naturale iraniana acquisterà autonomia e autogoverno sulla base di valori democratici. Tuttavia, il suo regime attuale adotta una politica contraria alla storia, alla tradizione sociale e culturale dell’Iran “.

La dichiarazione ha anche detto: “Lo stato iraniano aggrava i problemi tra il popolo curdo e lo stato iraniano giustiziando i giovani curdi e compiendo omicidi politici con attacchi missilistici. Questo rende difficile risolvere i problemi del popolo curdo sulla base del consenso democratico con lo stato iraniano. La questione curda può essere risolta adottando misure che assicurino l’esistenza del popolo curdo e i diritti democratici fondamentali nel quadro costituzionale e giuridico. È qui che viene rimossa la possibilità di qualsiasi tipo di problemi interni e di intervento esterno “.

Il KCK ha chiamato “allo stato iraniano di porre fine a questi metodi. Se l’Iran compie un passo avanti verso una soluzione politica, sottolineiamo nuovamente che incoraggeremo il popolo kurdo, le forze politiche e gli ambienti democratici per risolvere questo problema. Perché non è possibile sopprimere le rivendicazioni dei diritti dei curdi e la lotta per la libertà attraverso la guerra classica e metodi oppressivi con collaboratori e agenti provocatori.

Condoglianze alle famiglie

Il KCK ha concluso le sue osservazioni esprimendo le sue condoglianze alle famiglie dei “martiri e all’intero popolo del Kurdistan”.

Fonte https://anfenglishmobile.com/kurdistan/kck-condemned-iran-attacks-expressed-condolences-to-families-29521

 

AZADI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: